fbpx
Vai al contenuto

Come cominciare a meditare se non hai tempo

    Vorresti cominciare a meditare ma non sai come fare e credi di non avere abbastanza tempo? Pensi che la meditazione sia qualcosa di troppo difficile per te? Leggi questo articolo e guarda il video sotto per scoprire che non è così!

    Per riuscire a meditare devi avere le giuste aspettative

    Quando ho cominciato a meditare mi sono detta: “non funzionerà mai! Come posso spegnere il cervello per anche solo 5 minuti? Figuriamoci 20 o 30!”

    Spesso chi comincia a meditare ha delle aspettative assurde, tipo riuscire a stare immobili e senza pensieri per molto tempo o raggiungere il nirvana. 

    Non soltanto queste aspettative sono sbagliate ma sono anche quelle che ti portano a mollare dopo pochi giorni perché ti senti incapace. 

    Stesso discorso se pensi di dover cominciare da subito con minimo mezz’ora di meditazione. Non solo non è necessario ma è il modo migliore per smettere in modo definitivo.

    Che cos’è la meditazione

    Se cerchi su Google i sinonimi di meditare troverai parole come “esaminare con attenzione”, “studiare un piano d’azione” e “riflettere sulla vita”. 

    In altre parole, la meditazione è prima di tutto concentrarsi su qualcosa di specifico.

    Ma per la maggior parte di noi concentrarsi vuol dire pensare con intensità a qualcosa.

    Com’è quindi possibile annullare i pensieri?

    I pensieri non vanno annullati ma neanche seguiti. Mi spiego meglio; l’importante non è non avere pensieri ma non perdersi dietro a loro.

    Se durante la meditazione arrivano dei pensieri limitati a lasciare che scorrano. Non rincorrerli, non soffermarti su di loro e non scacciarli. Continua a concentrarti su quello che stai facendo e passeranno.

    Quanti tipi di meditazione esistono?

    Nell’immaginario comune meditare è uguale a sedersi a gambe incrociate con le braccia sulle ginocchia e gli occhi chiusi (quella che è chiamata posizione di Loto).

    La realtà è che esistono molti modi per meditare.

    La prima distinzione è tra la meditazione formale e quella informale. Nella meditazione formale segui delle specifiche pratiche mentre in quella informale utilizzi azioni di tutti i giorni per meditare.

    La bella notizia è che anche la meditazione formale ha in realtà molte forme diverse: dalla meditazione del cibo a quella camminata allo yoga ci sono molti modi di praticarla. Tocca a te trovare quella più adatta alle tue necessità: prova esplorandoli tutti prima di scegliere.

    Come cominciare con la meditazione del respiro

    Come ti ho scritto la posizione classica è quella seduta con gli occhi chiusi e concentrandoti sul respiro.

    Di seguito ti spiego come tenere la posizione corretta ma prima di tutto devi prepararti alla pratica nel seguente modo:

    • ritagliati del tempo solo per te dove non verrai disturbata da altre persone o da mezzi esterni (telefono, tv eccetera);
    • ricordati che per cominciare bastano tra i 2 e i 5 minuti, metti un timer se hai paura di non sapere quando finire (per evitare di continuare a sbirciare l’orologio);
    • tieni a mente che i pensieri non si annulleranno e che all’inizio tenderai a distrarti: non è un fallimento, è solo parte del processo di apprendimento
    • la costanza è la chiave: farlo tutti i giorni ti aiuterà a migliorare e ti permetterà poi di incrementare il tempo
    • accetta il fatto che potrebbero esserci dei momenti no in cui torni indietro: non importa, ricomincia

    Bene, sei pronta a capire come cominciare a meditare? Guarda il video sotto (i primi minuti sono di introduzione, poi ti spiego per bene come fare).

    Se ti senti pronta a cimentarti con la meditazione del respiro da sola puoi scaricare la traccia gratuita che ho preparato per te qui.

    Se hai voglia fammi sapere nei commenti com’è andata.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.